Il Museo: prima sala

La sala d’accesso al Museo della Memoria raccoglie le fotografie e i documenti di presentazione alla storia del Ferramonti.
Alle pareti sono esposte fotografie del campo e delle baracche, riprodotte su legno e raggruppate per soggetto, oltre ai ritratti fotografici dei direttori Paolo Salvatore e Mario Fraticelli e dei gruppi di primi internati. Interessanti sono le fotografie che richiamano alla memoria le visite del rabbino Riccardo Pacifici, dell’ing. Israele Kalk, del nunzio apostolico Francesco Borgoncini-Duca, e del frate cappuccino Callisto Lopinot, a cui era stata affidata l’assistenza spirituale di tutti gli internati. Nella prima teca sono conservati documenti relativi alle leggi razziali, alla costruzione del campo, nonché oggetti personali, come una coperta di lana ed una scatola di chinino, di cui gli internati erano costretti a fare largo uso. La seconda teca conserva tutti i libri pubblicati su Ferramonti.