Lav Mirski

Foto Lav Mirski

1893 - 1968

Lav Mirski, creatore di un coro di internati nel campo di Ferramonti e direttore dello stesso campo dopo la liberazione degli Alleati, fu un grande musicista e direttore d’orchestra croato.
Nato il 21 giugno del 1893 a Zagabria, fu iniziato alla musica sin dai suoi primi giorni di vita; studiò presso grandi maestri e musicisti degli inizi del XX secolo e si laureò in violoncello e direzione d’orchestra al Conservatorio di Musica di Zagabria.
Nel 1913 trascorse un intero anno come violoncellista nell’orchestra sinfonica di Vienna; quest’esperienza gli permise di conoscere importanti musicisti e direttori e si rivelò molto utile quando fu nominato direttore generale del Teatro Nazionale Croato di Osijek. Nel 1924 costituì e diresse la Filarmonica di Osijek e, dal 1926 al 1934, fu direttore del Conservatorio Municipale.
Oltre che nel teatro il maestro si impegnò in attività civiche tra le quali è da segnalare la fondazione della Società per l’Avanzamento della Scienza e delle Arti a Osijek.
Grazie a tali attività e alla sua abilità come musicista, il nome di Mirski si diffuse gradualmente in tutto il mondo, dalla Croazia a Budapest, Praga e altri centri importanti del panorama musicale europeo. Gli eventi drammatici della Seconda Guerra Mondiale hanno, però, cambiato il corso della sua carriera: nell’aprile 1941 Lav Mirski fu deportato prima a Zagabria e poi al campo di Ferramonti. Nel campo non si fece fermare dalla sua condizione di prigioniero, ma anzi creò e condusse un coro di internati.
Al termine della guerra diresse orchestre sinfoniche nell’esercito alleato, mentre dal 1944 al 1947 fu direttore dell’Orchestra Sinfonica Palestinese e dell’Opera Popolare di Tel Aviv. Fu anche collaboratore regolare della stazione radio di Gerusalemme.
Soltanto nel 1947 Lav Mirski rientrò ad Osijek dove fu nuovamente assunto come direttore dell’Opera.
Morì il 29 aprile 1968. In memoria fu intitolata a suo nome una delle piazze del centro di Osijek.
La stagione teatrale 2007/2008 della città ha celebrato il suo centesimo compleanno.