Francesco Gramiccia

Foto Francesco Gramiccia

Francesco Gramiccia, calzolaio comunista di Cave (Roma), dal 1920 al 1935 riportò condanne per lesioni personali, minaccia a mano armata, omicidio volontario e due sanzioni amministrative. Fu proposto per l’internamento dal questore di Roma perché accusato di aver ispirato il reato di un ragazzo, Mariano Luigi, che dipinse con la calce sulla porta di una legnaia una falce e un martello. Fu internato a Manfredonia e, il 5 giugno 1943, a Ferramonti.