Guglielmo Mrdjen

Guglielmo Mrdjen, ingegnere di Pola, fu arrestato il 19 agosto 1942 perché ritenuto di sentimenti sovversivi e segnalato da fonte confidenziale come seguace del partito comunista. La proposta d’internamento riporta: “(…) per quanto non sia stato possibile acquisire elementi concreti che stiano a provare l’attività sovversiva da lui finora esplicata, tenendo conto del suo grado di cultura e della sua sveglia intelligenza è da ritenersi elemento molto pericoloso, anche perché ha molta ascendenza nei molti amici ch’egli conta in questo ambiente”. Fu rinchiuso a Ferramonti il 14 febbraio 1943.